"Dal sacro Monte Kailash, nel Transhimalaya, oltre la linea delle piogge, discesi all'estremo del Capo Comorin, dove le acque di tre antichi mari si congiungono. Ed oggi so che in ambo gli estremi vi sono templi". (Miguel Serrano)

scrivici a: campania@snami.org

----------------------------- accessi al sito negli ultimi 30 giorni ----------------------------

BACHECA

- sabato 20 e domenica 21 giugno il Comitato Centrale si riunisce a Tivoli

- venerdì 23 maggio 2014 è stata stipulata la Convenzione SNAMI Campania-Club Medici che, tra i vari servizi, offre una polizza assicurativa per la responsabilità civile professionale

----------------------------------- i più visti della settimana -----------------------------------

------------------------------------ il quadro della settimana ------------------------------------

------------------------------------ il quadro della settimana ------------------------------------
------------------------ Edwin Austin Abbey 1852-1911 The Castle of Maidens 1893-1902 ------------------------

poesia

poesia
--------------------------------------------- clikka sul testo e vai a "Poesia" ---------------------------------------------

domenica 5 luglio 2015

Decreto 56 ovvero l'ultima "polpetta avvelenata" servita dall'ormai trombato Stefano Caldoro ai cittadini ed alla classe medica della Regione Campania


I PRINCIPI

“la Regione Campania potrebbe conseguire risparmi potenziali per oltre 66 milioni di euro”  è questo il valore economico del taglio ai farmaci che già attualmente garantiscono in modo molto precario la salute dei campani.
Il decreto prevede che il taglio avvenga ricattando i Direttori Generali delle ASL paventandone il licenziamento se non ci sono riduzioni della spesa,  affinché mettano su un sistema di “pressione” essenzialmente sui Medici di Assistenza Primaria a loro volta ricattati con la minaccia che la Corte dei Conti li accusi di danno erariale.

STRUMENTI di MONITORAGGIO delle PRESCRIZIONI
Il modello unico di prescrizione, allegato 2 al decreto 56, è lo strumento di pressione
compilato, con validità massima di 12 mesi  dal medico prescrittore (Medico di Assistenza Primaria, Specialista Ambulatoriale, Medico Ospedaliero, Medico Universitario), inviato al Servizio Farmaceutico della ASL di residenza del paziente, e stampato contestualmente alla ricetta elettronica o al promemoria della ricetta de-materializzata sempre dal medico di assistenza primaria!
Quando va compilato tale allegato (modello unico di prescrizione): molto spesso se si intende mantenere un minimo di libertà terapeutica visto che sono interessati i farmaci più comunemente prescritti. 

LA FILIERA DEL CONTROLLO
Il  decreto  imbastisce un meccanismo di controllo burocratico, con enorme spreco di tempo e di denaro a carico di tutta la filiera che sovraintende alla prescrizione e dispensazione del farmaco; Il medico prescrittore (Medico di Assistenza Primaria o Specialista delle strutture suddette) dovrà produrre il modulo in formato cartaceo (sic!)  e inviarlo al Servizio Farmaceutico della ASL, il paziente dovrà portare il modulo in formato cartaceo al proprio Medico di Assistenza Primaria se la prescrizione è dello specialista, ogni qualvolta il Medico di Assistenza Primaria stampa un promemoria per l’assistito della ricetta de-materializzata dovrà contestualmente stampare una copia dell’allegato 2 per il farmacista che dovrà  “stabilire che, nel caso in cui la prescrizione non fornisca una valida motivazione per la scelta di un farmaco a più alto costo, il farmacista è tenuto a richiedere tempestivamente ulteriori  integrazioni…... se il medico prescrittore non perfezioni la prescrizione con le integrazioni richieste, il farmacista procederà alla dispensazione  del farmaco prescritto,  informando la propria Direzione Strategica che provvederà a comminare le sanzioni previste dalla normativa vigente”.

La  Regione Campania individua il farmacista come cane da guardia del risparmio! Che ne pensa l’Ordine dei Medici? Che ne pensa l’Ordine dei Farmacisti? 

Questo è il ricorso presentato dallo SNAMI Campania al Garante



L'impugnativa al TAR della Delibera è in corso di preparazione da parte del nostro Ufficio Legale e prevediamo venga presentata nella seconda metà di luglio.
Abbiamo chiesto, inoltre al Presidente De Luca il ritiro della delibera e rimaniamo, anche su questo fronte e senza trascurare gli altri, in fiduciosa attesa.

(si ringraziano i Colleghi Filippo D'Addio e Assuero Musco per gli approfondimenti tecnici relativi al Decreto)